Skip to content →

Ufficio stampa per le pmi: problemi e soluzioni

Quanto vale un buon progetto di ufficio stampa per Pmi? Qual è la strategia di comunicazione migliore per dare visibilità alle piccole e medie imprese italiane, senza chiedere loro investimenti onerosi?

Budget e ricavi: un circolo vizioso

Mentre le grandi aziende discutono di pubbliche relazioni digitali, social media management e campagne pubblicitarie stampa e tv, le Pmi, spesso, sono chiuse in un circolo vizioso: le vendite calano, i budget per progetti di comunicazione diminuiscono e l’attenzione dei dirigenti si concentra sui canali commerciali.
L’unica domanda a cui si cerca di rispondere è: come aumentare fatturato e ricavi?
Così, quasi come fosse un riflesso incondizionato, cala l’importanza delle attività di ufficio stampa e il lavoro a lungo termine sulla brand identity, che sembrano diventare questioni marginali.
Eppure, gli esperti di corporate branding lo dicono da tempo: investire in comunicazione è un’arma vincente contro la crisi.

20. 3

 

Lungi negare che il focus dell’azienda non debba essere sempre orientato alle vendite. Un piano strategico di ufficio stampa per Pmi, però, ha un ruolo determinante:

 

 

  • mantiene alta l’attenzione sul marchio;
  • protegge l’immagine aziendale da rischi reputazionali (Un esempio? Leggete qui);
  • dà vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti che rinunciano alla comunicazione.

 

È meglio inoltre giocare d’anticipo, realizzando un programma di media relations integrato, per stampa tradizionale, canali digitali e social media. Si tratta di un’ulteriore prova, ma solo le aziende che sanno cambiare sopravvivono.
I manager contrari a progetti di ufficio stampa per Pmi, spesso, avanzano i loro dubbi perché gli interventi di comunicazione sono costosi. I preventivi per progetti di comunicazione sono, in molti casi, poco sostenibili per un’azienda di piccole dimensioni.

Ufficio stampa per Pmi: alcuni consigli

I consigli che vogliamo dare a chi vuole organizzare attività di ufficio stampa per Pmi sono due:

20. 2 comm

  1. Tra piccole realtà ci si capisce.
    Per fare un buon ufficio stampa per Pmi non è necessario rivolgersi alla grande agenzia di comunicazione. Molte media agencies di dimensioni si avvalgono di ottimi professionisti, in grado di rispondere alle esigenze delle piccole imprese in modo più puntuale. L’investimento richiesto è minore e i risultati, a volte, possono essere anche più soddisfacenti. Il motivo? Gli uffici stampa di piccole dimensioni fanno un lavoro attento, personalizzano il progetto di comunicazione e prestano cura ad ogni fase del processo di comunicazione.
  2. Astuzia, non vanità.
    Un piano strategico di #brandidentity tiene presente ciò che funziona, non quello che abbaglia Condividi il Tweet Un progetto di ufficio stampa per Pmi per riviste di settore e giornali generalisti può portare a una rassegna stampa importante; mentre una campagna pubblicitaria occasionale, senza piano strategico sui grandi mezzi di informazione, farà spendere molti soldi all’azienda, con un risultato effimero.

 

Il successo della comunicazione per le Pmi: alcuni case studies

Dunque fare ufficio stampa per Pmi è possibile? Se il management mette da parte i pregiudizi sul comunicatore aziendale, certamente sì.
Alcuni casi di successo mostrano che un buon lavoro di relazioni pubbliche con i media aiuta l’azienda e pone le sue basi per una crescita del marchio, sul medio e lungo termine. Ne ricordiamo alcuni.

  • Effebiquattro, Seregno, provincia di Monza Brianza.
    Produttore di porte per interni dal ’75, Effebiquattro ha messo in atto una comunicazione a 360 gradi che comprende un giornale destinato ai consumatori, un blog, media relation sui canali on line, ufficio stampa.
    L’ufficio stampa si rivolge ai giornali di settore, ma comunica anche con la stampa locale. Effebiquattro è molto presente sul territorio e coinvolge diversi soggetti locali nelle sue iniziative: una strategia che si affianca all’opera di visibilità sui social media.
  • Museo del castello San Giorgio, La Spezia.
    Non è un’azienda, ma ne parliamo perché si tratta di una realtà molto attiva sulla comunicazione. Il museo del castello ha un ricco calendario di iniziative al pubblico. Il suo ufficio stampa informa i giornalisti in modo puntuale ed è in grado di rispondere a richieste di approfondimento in modo accurato.
  • Vighi Security Doors, Colorno, a Parma. L’azienda di porte blindate ha lavorato negli anni scorsi con un ufficio stampa esterno dedicato. La strategia Vighi ha puntato su innovazione di prodotto; partecipazione a eventi selezionati; comunicati e conferenze stampa per i giornalisti. Questo modello le ha permesso di raggiungere ottimi risultati in termini di rassegna stampa e di brand identity, ottimizzando l’investimento nella comunicazione.

 

20.4

Adottare un buon modello strategico serve, dunque, a fare comunicazione senza spese eccessive.
Una buona agenzia di comunicazione sa dare al cliente un’ottima visibilità sui giornali, grazie a database ben profilati e a un paziente lavoro di relazione con i giornalisti.
Attenzione però: fare ufficio stampa per Pmi non vuole dire avviare progetti a costo zero. Una campagna di comunicazione ai media non si affida a personale interno non preparato; non si considera come un lavoro parallelo, da condurre in modo occasionale a fine giornata.
Quando parliamo di fare ufficio stampa a costo ridotto parliamo, soprattutto, di un investimento intelligente, deciso in base a una strategia. Il problema non sta tanto nel costo ma nella prospettiva. L’ufficio stampa deve essere affidato a professionisti; la comunicazione è gestita in base a un’analisi ponderata.
L’obiettivo della media agency coincide con quello dell’azienda: lavorare sul brand, migliorare la visibilità dell’azienda, in armonia con le strategie di marketing e commerciali.

Published in Comunicazione Sviluppi