Categorie
tool

Trovagiornalisti: come funziona e come può aiutarti

Trovagiornalisti non è una raccolta di indirizzi accumulati secondo un criterio di quantità. La piattaforma per creare mailing list e mandare i comunicati stampa è una soluzione differente dai pacchetti delle agenzie stampa on line, che promettono invii automatizzati a un prezzo a basso costo.

Che tu abbia iniziato ora a lavorare come addetto stampa o che tu abbia già una lunga esperienza, sai che ogni progetto di comunicazione è complesso: richiede strategia, tempo e soprattutto i contatti giusti.
Nel post di oggi vogliamo spiegarti come funziona Trovagiornalisti e come utilizzarlo al meglio, per risparmiare tempo e rendere più efficiente il tuo compito di addetto stampa.

Trovagiornalisti, piattaforma e database contatti

Trovagiornalisti è uno strumento semplice: ha un database giornalisti, strutturato e suddiviso per categorie, un’opzione per salvare le mailing list che ti interessano e la possibilità di mandare i comunicati stampa dalla piattaforma. Tuttavia, proprio gli strumenti più agevoli corrono il rischio di essere utilizzati al minimo delle loro potenzialità.
Il primo vantaggio che puoi imparare a sfruttare al meglio è il database contatti.

A chi mandi il comunicato stampa?

Quando lavori come ufficio stampa hai sempre bisogno di un database giornalisti:

  • privo di errori
  • ordinato in categorie chiare
  • aggiornato.

I giornalisti cambiano testata più spesso di quanto immagini, gli editori cambiano. Hai bisogno di elenchi giornalisti sicuri!

Il database giornalisti

Se hai visto il video introduttivo di Trovagiornalisti o se ti sei iscritto alla prova gratis, hai già avuto modo di scoprire come funzionano le liste contatti. Le classificazioni ti aiutano nella ricerca, che puoi ripetere con criteri differenti, in base alle tue esigenze.

  • Se, per esempio, hai una notizia urgente da mandare ai quotidiani, cercherai nella categoria “tipo di media”.
  • Se hai un comunicato stampa di prodotto e hai bisogno solo di testate di settore, andrai alla voce “testate specializzate”.
  • Per cercare i giornalisti che scrivono di argomenti specifici, vai alla categoria “servizio giornalistico

Troverai molte sottocategorie e potrai affinare la ricerca: restringere il campo quando hai bisogno di liste molto piccole, prendere in considerazione più sottocategorie, quando devi condurre invii più generali.
Gli elenchi che ti interessano possono diventare le tue mailing list giornalisti: salvale in una cartella a parte, che avrai sempre a disposizione on line.

Cerca un giornalista nell’elenco

Conosci un giornalista ma non sai per quale testata lavora? Hai letto la sua firma su articoli coerenti con il tuo progetto di comunicazione e vuoi mandargli il comunicato?

Il sistema è abilitato a questa ricerca: scoprirai che ruolo ha in redazione e in quale sede. Puoi anche cercare direttamente la testata, se per esempio vuoi conoscerne la diffusione e le redazioni locali.
I criteri di ricerca sono parecchi.
Per un evento culturale sul territorio, potranno interessarti solo le testate locali e ti sarà utile conoscere la sede del giornalista.
Per un evento esclusivo avrai bisogno di mandare l’invito ai direttori, mentre in altre circostanze manderai il comunicato alle segreterie e ai giornalisti in redazione.

Invia il comunicato stampa dalla piattaforma

Una volta salvate le mailing list, potrai mandare il comunicato stampa direttamente dalla piattaforma. Questa modalità di invio è più veloce da quella che faresti dal tuo programma di posta elettronica ed è più sicura. Il comunicato stampa arriverà al giornalista avendo come mittente il tuo indirizzo mail.

Se mandi il comunicato stampa da Trovagiornalisti, puoi programmare l’invio con un anticipo fino a due settimane.
Inoltre, elimini la possibilità di errori tecnici, refusi della digitazione o nelle operazioni di copia e incolla da database manuali. Sei al sicuro anche da eventuali problemi di privacy, perché il database di Trovagiornalisti è GDPR compliant.

Il sistema monitora in tempo reale il percorso del comunicato stampa: puoi verificare se il giornalista ha ricevuto la mail, se l’ha già aperta e puoi quindi scegliere se, come e quando contattarlo.

Chiama il giornalista in redazione

Una volta spedito il comunicato stampa, puoi chiamare il giornalista al telefono. Avrai a disposizione i numeri delle redazioni e i recapiti diretti dei giornalisti. Questo aspetto del lavoro di ufficio stampa è determinante per vedere pubblicato il comunicato stampa.

È una fase delicatissima: è il momento in cui verifichi con il tuo contatto l’interesse per la notizia, puoi concordare altro materiale, invitare il giornalista a un approfondimento o un’intervista telefonica.

Di fatto, il recall è il momento in cui comprendi se la tua strategia di comunicazione è giusta o se devi indirizzarla meglio. Sai bene quanta energia richiede tutto questo: se hai risparmiato tempo prezioso, automatizzando gli invii e se hai scelto i contatti giusti in fase iniziale, ti è ora più facile procedere con i contatti dei giornalisti uno ad uno.

Come può aiutarti Trovagiornalisti

Uno degli errori più comuni di chi si affida ai database giornalisti on line è confondere l’invio dei comunicati stampa con la strategia. Se scegli una piattaforma dalla quale accedere ad elenchi dei giornalisti, salvare mailing list e inviare le tue press release, i tuoi vantaggi sono

  • rendere efficiente la spedizione
  • evitare errori negli invii dei comunicati
  • essere in regola con la normativa GDPR.

La scelta del contenuto del comunicato stampa e la definizione delle testate più opportune dipendono da te. Nel contatto diretto con il giornalista, serviranno le tue competenze di relazioni pubbliche. Per tutte le fasi operative del lavoro, un database ordinato e una piattaforma di spedizione sono un valido aiuto.
Per provare Trovagiornalisti gratis vai qui