Categorie
Formazione

Articolo di giornale e comunicato stampa e blog post: le differenze

Articolo di giornale, comunicato stampa e blog post sono contenuti differenti, per natura, storia e obiettivi. Se sei un addetto stampa, un blogger o un giornalista conosci bene le loro caratteristiche e le relative tecniche di scrittura. Sai anche che web e social network tendono a sfumare i confini tra i generi e questo non è sempre negativo; ma, al netto delle contaminazioni, quando lavori devi sempre tenere a mente che cosa stai scrivendo, a quale lettore ti rivolgi e perché.
Sapere che cos’è un articolo di giornale, che cos’è un comunicato stampa e come si scrive un blog post sono a tutt’oggi importanti: aiutano a stendere un testo coerente e facilitano la comunicazione.
È una questione di contenuti, ma non solo: giornali, blog e cartelle stampa sono differenti anche per stile e tono di voce, aspetto grafico, modalità di diffusione.

Articolo di giornale e comunicato stampa

I non addetti ai lavori tendono a confondere articolo di giornale e comunicato stampa, due facce, in verità della stessa medaglia.

Il comunicato stampa è un testo scritto da un’azienda o un’istituzione per comunicare una notizia di interesse pubblico. Il comunicato stampa è rivolto ai giornali.

L’articolo di giornale è l’esposizione di una notizia, verificata e spiegata, da un giornale per i suoi lettori.


Ti sembrano banali queste definizioni? Lo sono, se lavori nella comunicazione, ma ricordarle aiuta a comprendere che la prima differenza sta nei destinatari. Uno degli errori più frequenti nella comunicazione è scrivere come se stessimo parlando a noi stessi, dimenticando gli interessi dell’interlocutore. I comunicati stampa aziendali, scritti con il linguaggio formale che si usa nelle informative interne, sono un esempio di registro linguistico inadatto al contesto.
Anche un articolo scritto con un tono promozionale è un esempio di quello che non si deve fare in una testata giornalistica.

La notizia e il metodo delle cinque w

Articolo di giornale e comunicato stampa hanno anche aspetti comuni: entrambi devono riportare la notizia in modo completo, dando modo a chi legge di capire che cosa è successo. La regola delle cinque w – who, chi, what, che cosa, when, quando, where, dove, why, perché – è un criterio sempre valido per riportare le informazioni in modo esaustivo.
Il tono asciutto, scorrevole e non verboso è preferibile sia nei comunicati stampa che negli articoli ed è un altro elemento in comune.
Cambia, invece, il punto di vista: il comunicato stampa riporta solo la prospettiva dell’azienda o dell’ente che lo firma. Una volta ricevuto il comunicato, il giornalista è chiamato a svolgere più compiti:

  • verificare la notizia riportata dal comunicato;
  • approfondirla, con un responsabile dell’azienda o con altre informazioni;
  • documentarsi presso fonti diverse, aggiungetr punti di vista di altre persone coinvolte nella vicenda.

Come scrivere un blog post e perché è diverso

Articolo di giornale e comunicato stampa non sono nati con Internet. La loro storia si intreccia con quella della stampa tradizionale, sin dai primi del Novecento.
Il blog è, invece, un contenuto nato con il web: all’inizio, formulato come un diario, poteva somigliare a un genere letterario consolidato, ma nel tempo ha cambiato forma. I post di un blog personale, di un blog letterario, di un blog aziendale richiedono un tono di voce, una formulazione e contenuti molto diversi.
Il blog è un ottimo esempio per imparare a scrivere per il web, rispettando alcuni criteri di base:

  • uno stile leggero e scorrevole, adatto anche a contenuti che si leggono da smartphone;
  • una scrittura Seo-oriented, impostata sulle intenzioni di ricerca dei lettori e su frasi chiave;
  • un titolo che richiami l’attenzione;
  • una formattazione che faciliti la lettura, con paragrafi e sottotitoli;
  • presenza di immagini e infografiche;
  • link ad altri articoli del blog;
  • link ad altri blog o siti autorevoli;
  • presenza di uno spazio per i commenti.

Articolo di giornale, comunicato stampa e blog post: contaminazioni

Web e social network hanno cambiato anche press releases e giornali. Su Internet si trova tutto, comunicati stampa, articoli giornalistici, post per i blog e questo immenso spazio comune – dove per essere trovati bisogna lavorare tutti in prospettiva Seo – finisce per confonderne le differenze.
I giornalisti imitano i blogger nella ricerca di titoli acchiappa-clic o assumono un linguaggio gergale che non si era mai visto sulla carta stampata. Le copertine dei settimanali con titoli come “I 5 cibi che fanno dimagrire”, espressioni come “il più bel film di sempre” mostrano come e quanto la stampa si sia adattata alle logiche di Internet.
Al tempo stesso, la velocità con la quale si consumano le informazioni sul web ha sfumato le differenze tra comunicato stampa e articolo di giornale. I giornalisti fanno spesso un copia e incolla integrale del comunicato, senza aggiungere nulla di più, azzerando le differenze tra le due tipologie di contenuti.

Scrivere un testo senza sbagliare

Le contaminazioni sono spesso positive. Se sei un addetto stampa, scegliere una nuova formula di comunicato stampa per il web, multimediale, corredato di link e audiovisivi è una buona idea.
Se scrivi per un giornale on line, studiare le tecniche di scrittura Seo oriented è utilissimo e se fai il blogger puoi usare con profitto le regole delle cinque w, per tradizione associata al giornalismo, per scrivere un contenuto coerente.
Ti consigliamo però di evitare alcune tentazioni:

  • non esagerare nel tono confidenziale, anche se scrivi per il web. Se lavori per un blog aziendale, trova il tono di voce giusto, informale ma sobrio;
  • non copiare testi che trovi sul web, né da comunicati stampa né da articoli;
  • verifica le notizie e le fonti, non rischiare di diffondere notizie false
  • non forzare titoli di articoli o di comunicati stampa per fare click-baiting o per richiamare l’attenzione.

Hai altre notizie di contaminazioni fra articoli di giornale, comunicati stampa e blog post o consigli per migliorarli? Scrivici